VFR e Piani di volo: novità in arrivo !

Pubblicato il 8 Gennaio 2015

VOLARE SICURI ha seguito con attenzione le problematiche generate dall’entrata in vigore del regolamento RAIT – Regole dell’Aria Italia – emanato dall’ENAC, Ente Nazionale Aviazione Civile, e pubblicato il 12 dicembre 2014. Tra l’altro il nuovo regolamento impone ai voli in VFR (Visual Flight Rules) la presentazione di un piano di volo quando essi si svolgano all’interno di spazi aerei controllati. Si tratta di una norma che può avere pesanti riflessi sulla Sicurezza del volo e Volare sicuri è lieto che ENAC, ENAV ed A.M. hanno accettato di aprire un “tavolo tecnico” con Aopa ed Aeci al fine di trovare soluzioni alla tematica.
Per tenere tutti informati VOLARE SICURI pubblica qui il testo del resoconto di Stefano Argifa, presidente dell’aeroclub di Catania che ha partecipato ai lavori del “tavolo”, buona lettura: e voli emozionanti e sicuri a tutti !!
“Cari Amici,
vi racconto le ultimissime novità in merito alla questione Piani di Volo.
Oggi, presso la sede di ENAC in Roma, si è tnuto il programmato tavolo tecnico tra gli “addetti ai lavori” (ENAC, ENAV, AM) e gli "utenti piloti VFR", questi rappresentati da AOPA e AeCI .
Vi dico subito che ci sono le premesse per giungere ad un sostanziale (e rapido) miglioramento delle attuali, penose, condizioni alle quali le SERA ci hanno costretto.
Abbiamo rappresentato ai nostri interlocutori i micidiali effetti causati dall’applicazione della nuova normativa e una panoramica di quanto sta accadendo in altri Paesi europei, dove le norme SERA sono state intelligentemente interpretate/modificate per non penalizzare il traffico VFR
Le tante ragioni dei piloti, stavolta, andavano in parallelo con quelle dei controllori: basti pensare che l’ARO/CBO di Fiumicino si sta trovando a gestire fino a 400 FP al giorno (prima dell’11 dicembre la media era di 30.... capite bene cosa gli è capitato in questi 25 giorni !).
Per farvela breve: e’ stato recepito da ENAC/ENAV il fatto che il Piano di Volo “Ridotto” (contenente le poche informazioni coincidenti quasi integralmente con quelle che davamo all’Ente ATS allorchè, anche in No FP impegnavamo gli Spazi Aerei prima dell’ 11 dicembre) deve poter essere utilizzato più estesamente di adesso, prima di tutto nelle ipotesi di SERA.4001, a) (quando si dovrà semplicemente attraversare uno spazio aereo, quando si dovrà decollare/atterrare da/su di un aeroporto controllato e occuparne il relativo CTR/ATZ solo per uscire/entrare da esso....) oltre le ipotesi già previste oggi in AIRAC (volo all’interno del CTR che genera e termina sullo stesso aeroporto).
Un "ridotto", quindi, potrà essere fatto in frequenza (anch’esso è un AFIL) nei casi sopra detti.
Mi auguro (e siamo sulla buona strada) che stia per superarsi l’idea di ENAV che un Piano di Volo non obbligatoriamente deve avere un aeroporto di decollo e uno di atterraggio (novità di SERA). Così come una loro innata propensione al "controllo" del volo anche in spazio "GOLF".
Il principio dovrà essere (e, mi auguro davvero, sarà): se voglio assistenza (compreso servizio SAR) per tutta la tratta del mio volo, anche in spazio “G”, faccio un FP un’ora prima del decollo e mi atterrò ad esso.
Altrimenti chiederò un “Ridotto” per l’attraversamento degli spazi controllati (o per il decollo; o per l’atterraggio). In Spazi non controllati il servizio non mi sarà dato, se non lo desidero (salvo i casi di dichiarata o conosciuta emergenza, ovviamente), sgravando il controllore della responsabilità di quel volo (il loro vero timore, il tema della responsabilità...).
Insomma, la mia impressione e’ che la questione potrebbe alla fine risolversi con un cambiamento semantico (cioè : chiamiamo le cose con un altro nome, se a qualcuno piace così, ma troviamo vie di buon senso per farle.... quasi come prima) o di tempi di inserimento nel sistema (manuale operativo ENAV, briefing di standardizzazione tra gli operatori ENAV), ma non di difficile soluzione. Insomma, un risultato accettabile è possibile a breve.
Quanto preme a tutti la rapida soluzione lo dice il fatto che una riunione operativa - e spero definitiva – con ENAC/ENAV/AM insieme ad Ae.C.I. e AOPA, già per la redazione delle modifiche da apportare al Regolamento ENAC è stata stabilita per il prossimo venerdì 16.
Voli emozionanti e sicuri a tutti !!


Iscriviti alla Newsletter